Centre Culturel Italien Paris

Centre Culturel Italien Paris 10 bonnes raisons pour choisir l'italien et pour découvrir un pays magnifique !!! Le Centre culturel italien a un statut associatif à but non lucratif, fondé en 1979, il est devenu un des principaux centres culturels italiens de France.
(41)

Son public : tous les jeunes de 17 à 97 ans, soit près de 2500 adhérents dont 1200 étudient la langue italienne. Le Centre a pour but de promouvoir et de divulguer la langue et la culture italiennes en France et la langue et la culture françaises en Italie. Présidente : Paola Niggi
Directeur : Antonio Francica.

Son public : tous les jeunes de 17 à 97 ans, soit près de 2500 adhérents dont 1200 étudient la langue italienne. Le Centre a pour but de promouvoir et de divulguer la langue et la culture italiennes en France et la langue et la culture françaises en Italie. Présidente : Paola Niggi
Directeur : Antonio Francica.

Fonctionnement normal

L’enfant face à la beauté absolue
30/11/2020

L’enfant face à la beauté absolue

Una foto cui teniamo molto: ad inizio 2020, una nostra piccola visitatrice, Sofia, al cospetto dell'Afrodite Accovacciata del #MANN.
Un dialogo possibile solo grazie all'arte!
Grazie a Dana per averci regalato questa immagine che ci riporta indietro 🔙 di qualche mese! 😊

Museo Archeologico di Napoli
24/11/2020

Museo Archeologico di Napoli

L’angolo del Giallo Mondadori al #MANN: continuiamo a confrontarci con il libro "Delitti al Museo"! ;)
A margine del racconto di Diego Lama vi riproponiamo un approfondimento sulla Venere Callipige,che ispira le pagine dello scrittore.
Concentriamoci sulla statica della figura: è notissimo il gesto con cui la dea scosta il peplo dal corpo, denudandolo dalla vita in giù; le pesanti pieghe del panneggio vengono a formare una sorta di colonna, alla quale Venere si appoggia.
L'artista ​romano (II secolo d.C.) ha saputo qui trasformare un espediente tecnico (la necessità di un sostegno per la scultura) in un motivo stilistico: spicca il suggestivo contrasto tra il bianco liscio del corpo n**o e il chiaroscuro delle profonde pieghe della veste.
Foto: Luigi Spina

Museo Archeologico di Napoli
24/11/2020

Museo Archeologico di Napoli

Delitti al Museo: leggiamo insieme il volume edito da Giallo Mondadori ed ambientato al #MANN! ;)
Sfogliamo il racconto di Diego Lama: un misterioso crimine ruota attorno a passioni morbose suscitate dalle tonde e sensuali forme della Venere Callipige, uno dei cavolavori della Collezione Farnese dell'Archeologico!
Non vi sveliamo nulla, ma vi proponiamo qualche riga per immergerci nell’atmosfera della narrazione:
“La donna rappresentata nella pietra era giovane e bella, e aveva la testa leggermente rivolta all’indietro, come a voler guardare qualcosa dimenticata alle sue spalle. Nel fare quel gesto apriva la veste e scopriva parte della schiena e le natiche, bellissime.
Forse erano proprio le natiche l’oggetto cui era rivolto lo sguardo della fanciulla, la sua stessa carne, il suo stesso corpo, che ella ammirava forse mostrandosi a un amante o a un dio.”
Foto: Luigi Spina

Pompeii - Parco Archeologico
21/11/2020

Pompeii - Parco Archeologico

What the writer Luigi Settembrini defined as “the pain of death that takes on body and form” once again takes shape in the excavations at Pompeii, in the form of men who lost their lives during the eruption, the traces of whose death throes have remained imprinted in the ash for two thousand years.

During the current excavations at Civita Giuliana, around 700 metres northwest of Pompeii, in the area of the large suburban villa where, in 2017 - thanks to a joint operation with the Carabinieri and the Public Prosecutor’s Office of Torre Annunziata aimed at stop-ping the illegal trafficking carried out by grave robbers - the servile part of the villa had been discovered along with the stable containing the remains of three harnessed horses, two skeletons of individuals caught in the fury of the eruption have been found.
Just as in the first excavation campaign when it was possible to crate plaster casts of the horses, today it has been possible to make casts of the two victims who were found near the cryptoporticus, in the noble part of the villa which the latest investigations have focused on.
The bodies were found in a side room of the cryptoporticus, in the form of a passage-way below the villa which led to the upper floor.

Pompeii - Parco Archeologico
20/11/2020

Pompeii - Parco Archeologico

On the road that goes from Pompeii to the river and sea port of the mouth of the Sarno, about 600 meters from the city walls, there was a large building in the Moregine area with a beautiful internal courtyard overlooked by a series of elegantly frescoed tricliniums, where now there is the Naples-Salerno motorway.
The detached paintings are now in the southern portico of the Palestra Grande in Pompeii. In one of the three tricliniums on display, the original personification of a river appears, the Sarno itself.
The Moregine complex probably belonged to the rich Sulpicii family, who kept part of their accounting archive here. The building was frequented by merchants and patrons related to the activities of the nearby port. The archaeological excavation has returned materials of great interest that tell of the presence of Mediterranean traders, as documented by the wine amphorae from the Aegean, and of exchanges and contracts recorded on waxed tablets.

Museo Archeologico di Napoli
20/11/2020

Museo Archeologico di Napoli

Questa mattina si chiude il nostro viaggio fotografico "Sette statue per sette giorni", attendendo l'apertura, nel giugno 2021, della Sezione Campania Romana del #MANN.
Abbiamo provato a vivere con voi le emozioni suscitate da opere meno note, ma che sono veri e propri capolavori: come questa splendida statua femminile della Concordia Augusta (da Pompei, edificio di Eumachia, I sec. d.C.).
In attesa di rivederci, le nuove tecnologie ci permettono di condividere speranza e desiderio di bellezza.
Foto: Luigi Spina.

Museo Archeologico di Napoli
19/11/2020

Museo Archeologico di Napoli

Aspettando la mostra "I Gladiatori", in programma da marzo prossimo al #MANN! ;)

Questo elmo in bronzo fu trovato nel ‘700 durante gli scavi borbonici nella Caserma dei Gladiatori di Pompei.
Il reperto ci svela un mondo affascinante, caratterizzato da un codice ben preciso: i combattimenti erano previsti tra coppie fisse di gladiatori, che avevano uno specifico armamento.
Questo tipo di elmo crestato era utilizzato dal Mirmillone (Mirmillo), munito di una spada corta (gladius) e di un grande scudo rettangolare ricurvo (scutum).
Oltre all’elmo per la difesa, erano previsti una protezione per il braccio (lorica manica) e uno schiniere per la gamba sinistra.
La straordinaria collezione di armi gladiatorie del #MANN avrà allestimento permanente, dall'autunno 2021, nelle collezioni pompeiane del nostro Museo.

Stato Magna Grecia - Due Sicilie
14/11/2020

Stato Magna Grecia - Due Sicilie

Scilla Calabria ....sempre bella anche in tempi di pandemia...(foto di P. Arbitrio)

L’art du verre au quotidien à Pompéi - Napoli
12/10/2020

L’art du verre au quotidien à Pompéi - Napoli

Giovedì sera?
Vi aspettiamo al #MANN con i nostri capolavori: saremo aperti dalle 20 con biglietto al costo simbolico di 2 euro.
Prenotazione obbligatoria sul sito coopculture.it o tramite l'app che CoopCulture dedica al Museo!
Foto: Luigi Spina

Musée de l'Homme
12/10/2020

Musée de l'Homme

Exposition | Dernier repas à Pompéi 🌋

Avez-vous déjà entendu parler des Lares, ces génies protecteurs romains qui veillent sur le foyer ?

Ces divinités domestiques sont souvent représentées vêtues d’une tunique courte, couronnées d’une guirlande de feuilles de lauriers et portant une corne d’abondance pour garantir la prospérité de la famille.

Pour obtenir leur protection, les romains leur faisaient quotidiennement des offrandes alimentaires sur le temple domestique qui leur était dédié.

Lors de votre visite de l’Exposition | Dernier repas à Pompéi, découvrez l’évocation d’un lararium, l’autel destiné au culte des Lares, avec deux statuettes représentant ces dieux du foyer. Plus d’infos 👉 bit.ly/DernierRepasPompéi

⚠️ Attention : réservez votre billet exclusivement en ligne et choisissez un créneau de visite : https://mnhn-museedelhomme.tickeasy.com/fr-FR/accueil

Museo Archeologico di Napoli
17/09/2020

Museo Archeologico di Napoli

Istantanee di bellezza al #MANN!
Foto: Luigi Spina

Museo Archeologico di Napoli
05/09/2020

Museo Archeologico di Napoli

I depositi del #MANN: scrigni di bellezza!
Foto: Luigi Spina.

Museo Archeologico di Napoli
26/07/2020

Museo Archeologico di Napoli

L'incanto senza fine della sezione dei mosaici del #MANN... 😉

Museo Archeologico di Napoli
26/07/2020

Museo Archeologico di Napoli

Buona domenica, spalancando gli occhi dinanzi alla bellezza della Collezione Magna Grecia del #MANN! ;)

Le sale della collezione ospitano un articolato complesso di pavimenti, in opus tessellatum in bianco e nero e policromo, così come in opus sectile di età romana.
I pavimenti rivestono particolare interesse non soltanto per il pregio storico-artistico, ma anche per la testimonianza delle ricerche archeologiche svolte tra Settecento ed Ottocento in area vesuviana ed in Italia meridionale

Foto: Giorgio Albano.

Une grande et rare exposition à ne pas rater
18/07/2020

Une grande et rare exposition à ne pas rater

#MANN è anche #ExtraMann!
Con il ticket dei siti aderenti alla rete (elenco dei partner sul nostro portale web), il biglietto 🎴 dell'Archeologico costa solo 6 euro! 😉

La perfection on peut la découvrir ici ... Mann - Napoli
18/07/2020

La perfection on peut la découvrir ici ... Mann - Napoli

Buon mercoledì con il gruppo marmoreo dell'Afrodite Accovacciata con Eros.
La scultura, databile al II sec. d.C., rappresenta la dea accovacciata sulle cosce con il busto chino in avanti e le spalle ruotate a sinistra. Afrodite rivolge il volto in basso, verso il piccolo Eros che le sta accanto. Il volto è regolare: i capelli salgono a formare un nodo al sommo della testa e ricadono in alcune ciocche sulle spalle.
Foto: Luigi Spina.

13/07/2020
Grand Palais - RMN (Officiel)

Grand Palais - RMN (Officiel)

La splendeur et la tragédie de Pompéi retracées comme jamais au travers d'une expérience d'un genre nouveau. Réservez-vite votre place !

😔Le Maître a terminé sa Mission . Une grande perte pour tous
06/07/2020

😔Le Maître a terminé sa Mission . Une grande perte pour tous

CustonaciWeb
29/06/2020
CustonaciWeb

CustonaciWeb

😋🍮🥧Questo goloso dolce della pasticceria palermitana prima e siciliana dopo, nato per caso da mani esperte, si chiama IRIS e si diffuse non più per caso ma perché è una vera delizia per gli occhi e per il palato.
⤵️qui sotto la ricetta

🧀😋L'origine del pecorino siciliano, pare risalire al tempo dell'arrivo dei greci in Sicilia, più o meno intorno al 735 a...
24/06/2020
CustonaciWeb

🧀😋L'origine del pecorino siciliano, pare risalire al tempo dell'arrivo dei greci in Sicilia, più o meno intorno al 735 a.C.

🧀😋L'origine del pecorino siciliano, pare risalire al tempo dell'arrivo dei greci in Sicilia, più o meno intorno al 735 a.C.

Accattone
18/06/2020

Accattone

« Je me demande, cher Alberto, si cet antifascisme furieux qui s’épanche dans les places aujourd’hui ne serait pas au fond une arme de distraction que la classe dominante use envers les étudiants et les travailleurs pour provoquer la discorde. Inciter les masses à combattre un ennemi inexistant pendant que le consumérisme moderne rampe, s’insinue et ruine une société déjà moribonde. »
-Pier Paolo Pasolini, conversation avec Alberto Moravia-

LUDUM - Science Center Catania
18/06/2020

LUDUM - Science Center Catania

La nave di Archimede

Il re di Siracusa Ierone II, a dimostrazione della prosperità del suo regno, fece costruire, nei cantieri navali siracusani intorno al 240 a.C., quella che a tutto oggi è ritenuta la più grande Nave dell’antichità , la Syrakosia.

Il dittatore diede ad Archimede l'incarico della progettazione e lo scienziato come un topo nel formaggio , iniziò ad applicare idee e progetti che teneva in archivio da anni avendo a disposizione un budget praticamente illimitato e la sapienza del più grande genio dell'antichità oltre che la possibilità di consultare l'archivio storico della biblioteca dei Alessandria..
Incaricato della costruzione fu Archia di Corinto .

Per costruire questa vera e propria città galleggiante, gran parte del legno arrivò dai boschi dell'Etna, per la corda, sparto dall'Iberia, mentre la canapa e la pece arrivarono dal Rodano. Per i lavori vennero impiegati 300 artigiani e tantissimi aiutanti, che lavorarono i necessari materiali. La Syrakosia, che mostrava al mondo la potenza ed il benessere di Siracusa, disponeva di venti banchi di remi.
Lo scafo era inaffondabile perché rivestito di piombo, contro gli speronamenti di altre navi o di scogli affioranti, inoltre Archimede aveva fatto in modo da fare crescere sullo scafo molluschi dalla corazza resistentissima a maggiore protezione.

La cabina del capitano aveva 15 divani e tre camere. Tutte avevano un pavimento a quadrelli di mosaico, fatti di pietre diverse, ove era ricostruito tutto il racconto dell'Iliade. Sulla nave erano stati impiantati anche dei giardini, formati da centinaia di piante, contenute in giare ed irrigate da sentieri di tegole di piombo.

C'era anche un padiglione dedicato ad Afrodite e gran parte delle porte erano in avorio e tuia. Tutte le camere interne erano arredate con quadri, statue, calici e suppellettili oltre ogni immaginazione. Una sala era adibita a biblioteca e sul soffitto di questa sala era disegnata una volta celeste, copia fedele dell'eliotropio di Acradina. Nel bagno realizzato in marmo di Tauromenio, vi erano tre caldaie di bronzo.

Tantissime stanze erano riservate ai circa 600 soldati che trasportava ed altro spazio della nave era riservata alle dieci scuderie, contenenti i cavalli, gli attrezzi dei cavalieri. Si trovava anche un serbatoio d'acqua a prua dalla capacità di 2000 m3 e nei pressi del serbatoio c'era una peschiera chiusa, piena di acqua di mare e tanti pesci.
C'erano 4 àncore di legno e otto di ferro, c'erano, poi, 8 torri e su ognuna montavano 4 giovani con armatura pesante e due arcieri. Sui tre alberi si trovano degli uomini a cui, in cesti intrecciati, erano affidati pietre e proiettili.
Infatti, la Syrakosia, benchè sia stata varata come nave mercantile, era equipaggiata anche come nave da guerra e conteneva diverse macchine belliche inventate da Archimede.

L'equipaggiamento da guerra era necessario per fare fronte ai pirati che infestavano il Mediterraneo. Poteva trasportare 30 mila kg di grano, 10 mila vasi di pesce siculo sotto sale, 320 mila kg lana e 400 mila di altra merce.

Era talmente grande che per gestire la popolazione che viveva in pianta stabile sulla nave , fu varato un codice legislativo specifico per la nave con tribunali e prigioni.

Soltanto che la Syrakosia fu vittima della sua stessa grandezza. Infatti, non tutti i porti dell'antichità erano attrezzati per ospitarla e quindi, Ierone decise di disfarsene. In occasione di un periodo di carestia in Egitto, la riempì di grano e decise di spedirla in dono al re Tolomeo, ad Alessandria. Qui, venne tirata a secco e si concluse la storia della più grande nave che nell'antichità abbia solcato il Mediterraneo.

Fonti : marenostrumrapallo.it ; wikipedia.it

🍆🍚Il timballo di riso e melanzane alla palermitana è una ricetta davvero facile e irresistibile. E' un primo piatto ricc...
18/06/2020
CustonaciWeb

🍆🍚Il timballo di riso e melanzane alla palermitana è una ricetta davvero facile e irresistibile. E' un primo piatto ricco e gustoso composto da ingredienti abbastanza semplici.

🍆🍚Il timballo di riso e melanzane alla palermitana è una ricetta davvero facile e irresistibile. E' un primo piatto ricco e gustoso composto da ingredienti abbastanza semplici.

Seulement à Naples : Cono Sfogliatella ripieno di gelato e crema di pistacchio
18/06/2020

Seulement à Naples : Cono Sfogliatella ripieno di gelato e crema di pistacchio

Cono Sfogliatella ripieno di gelato e crema di pistacchio 😍

Arte&Arte
06/06/2020

Arte&Arte

Museo Archeologico Nazionale di Taranto
Statuetta di Afrodite con eros sulle spalle
( c. 400/300 a.C.)

ANTICAE VIAE
31/05/2020

ANTICAE VIAE

#Bollo coi #consoli #Petino e #Aproniano del 132 d.C. con #impronta di bambino su #tegola #romana dalla via #Appia oggi alle Terme di Diocleziano , #Roma

—-

Child #footprint from ancient Appia #road, #Rome

#termedidiocleziano #dioclezianobaths #romans #museonazionaleromano #appiaroad #viaappia #viaappiaantica

Istituto di Cultura Tokyo
29/05/2020

Istituto di Cultura Tokyo

🇯🇵 ローマ‐東京間飛行 2人の若きイタリア人飛行家たちの「夢」
1920年5月31日、現在の代々木公園の地に、イタリア陸軍航空部隊の若き飛行家、25歳のアルトゥーロ・フェラリン中尉と24歳のグイド・マジエーロ中尉が操縦する2機の複葉機が到着しました。なかでもフェラリンはローマ‐東京間のすべての行路を飛行し、これは航空史に残る偉業となりました。
彼らが到着して丁度100年となる5月31日(日)午前0時より、動画「2冊の記念帖 - 東京の小学生が見た1920年のローマ東京間飛行」(7分25秒)を配信します。
当時の写真や映像を交えたこの動画は、フィレンツェ在住の画家・造形作家の道原聡氏の監修により製作されました。道原氏は長年にわたりこの「ローマ-東京間飛行」について研究し、当時の東京の小学生が飛行をテーマにして制作した絵や書を収めた2冊の「記念帖」を発見しました。
詳細:bit.ly/RomaTokyoJP

🇮🇹 1920 Il raid aereo Roma-Tokyo. Il "sogno" di due giovani piloti italiani
Il 31 maggio 1920 atterravano a Tokyo due piccoli aerei pilotati da due giovani tenenti italiani, Arturo Ferrarin e Guido Masiero. Si concludeva una missione per l’epoca rivoluzionaria, il “Raid aereo Roma-Tokyo”, un avvenimento rimasto negli annali della storia dell’aviazione.
Per festeggiare i 100 anni dall’impresa, l’Istituto pubblicherà un video di Satoshi Dobara, artista residente a Firenze, che ha dedicato lunghe ricerche alla trasvolata.
Per informazioni: bit.ly/RomaTokyoITA

Adresse

4 Rue Des Prêtres Saint Séverin
Paris
75005

Informations générales

horaires d’ouverture : lundi et mardi 10h30 - 13h30 / 14h30 - 19h mercredi, jeudi et vendredi 10h30 - 13h30 / 14h30 - 17h30 samedi 10h30 - 13h30 adresses des salles de cours : - 4 rue des Prêtres Saint-Séverin - 30 rue Saint-Jacques (à moins de 1 min. à pied du centre) - 20 rue des Carmes (à 5 min. à pied du centre) - 21 rue des Carmes (à 5min. à pied du centre)

Notifications

Soyez le premier à savoir et laissez-nous vous envoyer un courriel lorsque Centre Culturel Italien Paris publie des nouvelles et des promotions. Votre adresse e-mail ne sera pas utilisée à d'autres fins, et vous pouvez vous désabonner à tout moment.

Contacter L'entreprise

Envoyer un message à Centre Culturel Italien Paris:

Vidéos

Organisations à But Non Lucratifss á proximité


Autres Organisation à but non lucratif à Paris

Voir Toutes